6.5 C
Venezia
mercoledì, Dicembre 1, 2021
Articolo precedenteAnna, la profetessa
Articolo successivoUn giorno, un’ora

Costruttori di ponti e non di muri

Nella seconda domenica del tempo di Natale la prima lettura, tratta dal libro del Siracide (cfr. Sir 24,1-4.12-16), fa l’elogio della sapienza e ne parla come se fosse una persona. Noi cristiani ne vediamo la profezia in Gesù di Nàzaret, Figlio di Dio, Sapienza del Padre. La sapienza non è il semplice sapere né l’intelligenza e nemmeno la conoscenza. La sapienza è piuttosto la presenza di Dio nella vita concreta di ogni giorno.

Creata da sempre, è il dono più grande che il Padre ha fatto ai suoi figli. È presente durante l’assemblea liturgica per educare il popolo e per glorificare Dio. La sua funzione è quella del ponte-fice, cioè di colui che fa da ponte tra Dio e il suo popolo, e quale pontefice è più grande di Gesù?

Lui, pietra scartata, diventa la strada per la perfetta comunione con il Padre. Con lui anche noi, che partecipiamo della sua sapienza, siamo chiamati a essere costruttori di ponti e non di muri, strade che permettono a Dio e all’uomo di incontrarsi.

La sapienza ha posto la sua tenda in mezzo a noi, dice l’autore del libro. La tenda, e non il tempio, non una casa, per poter seguire un popolo nomade nei suoi spostamenti alla ricerca di una vita serena.

Articolo precedenteAnna, la profetessa
Articolo successivoUn giorno, un’ora

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.