2 C
Venezia
martedì, Dicembre 7, 2021
Articolo precedenteUn giorno, un’ora
Articolo successivoGesù e la nostra paura

La fiamma dell’amore

Nella prima lettura di oggi (cfr. 1Gv 3,22 – 4,6) sull’onda lunga dell’inizio di un nuovo anno l’apostolo Giovanni ci richiama l’essenziale: il comandamento dell’amore, la capacità di discernimento e la vittoria sul male.

Israele, nella sua storia plurisecolare, aveva sviluppato una normativa molto elaborata. Erano ben 613 i comandamenti contenuti nelle Scritture ebraiche. Gesù, invece, ama il sistema binario: luce e tenebre, un parlare che sia “sì” e “no”, Dio o “mammona”: credere in Dio e amarsi gli uni gli altri, non c’è altro comandamento o, per dirla meglio, tutti sono contenuti e riassunti in questi due.

Quando si intraprende la via della vita è inevitabile avere a che fare con “spiriti” (ma si può leggere persone) che pretendono di parlare in nome di Dio, e molte volte sono voci tanto suadenti quanto ingannevoli.

La verifica se uno spirito/persona è secondo il cuore di Dio è la professione di fede in Gesù come vero uomo e vero Dio. Non possiamo scindere queste due nature. Ogni sbilanciamento ha sempre prodotto eresie e quindi divisioni.

Infine avere la certezza che in noi abita Colui che è più grande di colui che abita il mondo ci dona la certezza che l’amore vince.

Articolo precedenteUn giorno, un’ora
Articolo successivoGesù e la nostra paura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.