Roberto Tadiello

611 ARTICOLI10 Commenti

Caino e Abele: il morso del serpente. Gen 4,1-16 (terza parte)

Post precedente Il confronto Yhwh e Caino: vv. 6-7 Ci siamo lasciati nel post precedente con il volto abbattuto di Caino. C’è ora l’intervento di Yhwh. Il fatto che Dio non guardi a Caino e alla sua offerta non significa che si stia disinteressandosi di lui, anzi, vedendo il suo incedere...

Donne “divine”

Dio si appoggia sui deboli, sul quel che è umile e disprezzato nel mondo per svergognare i forti (cf. Ger 9,23; 1 Cor 1,26-29). Invece di utilizzare il potere in termini mondani (come dominio, sopraffazione), Dio agisce mediante persone prive di potere; anzi, queste sono difficilmente riconducibile a qualche...

Bibbia e Mito

Il racconto della creazione, quello della caduta di Adamo, lo stesso diluvio universale come anche l'esperienza dell'esodo hanno la forma e la funzione del mito. Che cos'è un mito? Questo bisogno fondamentale dell'uomo? «È un tipo di racconto, di scena o di quadro nel quale l'uomo esprime le sue idee più...

Caino e Abele: il morso del serpente. Gen 4,1-16 (prima parte)

La storia dei due fratelli è uno dei racconti biblici dell’AT che hanno registrato una straordinaria fecondità letteraria, pittorica e cinematografica. Tutto questo è dovuto a diversi motivi: il primo è che il racconto si presenta conciso e allusivo al tempo stesso; tra le righe del testo, il lettore...

Caino e Abele: il morso del serpente. Gen 4,1-16 (seconda parte)

Prima parte La scelta di Yhwh e la collera di Caino: Gen 4,3-5 Dopo averci fatto fare un salto in avanti presentandoci i due fratelli adulti e rappresentanti, con il loro lavoro, di due modelli sociali diversi, il narratore racconta di una loro «offerta» a Yhwh e della scelta di quest’ultimo...

Abram credette “nel” Signore, che glielo accreditò come giustizia

È il commento conclusivo del narratore della Genesi dopo che Dio condusse fuori Abram mostrandogli il cielo e invitandolo a contare le stelle… (Cf. Gen 15, 5-6) Credere Il verbo ebraico ʾaman (da cui il nostro amen), reso in italiano con credere porta il sé la radice della stabilità, infatti significa «essere...